Importante traguardo per il Basket Golfo Piombino

Comunicato stampa.

Battuta Oleggio in gara 5 al termine di una partita dalle emozioni uniche

Ci siamo sentiti dire mille volte, ma quanto è bello il Golfo, come gioca bene, quanta qualità hanno i suoi giocatori, ma la migliore dote di questa formazione è il cuore. Si proprio il cuore che mettono in campo ogni qualvolta, e non è successo poche volte, che gli si presentano delle difficoltà e anche stasera è stato così. Un Oleggio, a cui vanno i più sinceri complimenti per quanto ha fatto in questa sfida, che è partito fortissimo, la difesa dei gialloblu sembrava un colabrodo e i piemontesi con una buonissima circolazione di palla trovavano sempre tiri puliti e facili penetrazioni. Primo quarto da incubo per i gialloblu, 33 punti subiti, contro soli 22 segnati,  con Maruca incontenibile, 13 punti nel quarto, 10 rimbalzi a 5 e più 11 Oleggio. Ma ad aggiungere sale sulla ferita gialloblu, arriva l’infortunio di Venucci, dopo soli 8 minuti, con Mattia che lascia il campo a braccia ed in lacrime. Ci vorrà un po’ per i gialloblu per somatizzare lo shock della sua perdita e così Oleggio allunga fino al più 18, sembra l’inizio di una disfatta. La difesa gialloblu però inizia a stringere le maglie nei minuti finali e riesce a ricucire parzialmente lo strappo, grazie anche ad un buzzer beater di Piccone allo scadere, meno 12 sul  36 a 48. Il 27 a 14 ai rimbalzi, con 9 offensivi, il 61% da due ed il 40% da tre degli avversari, sembrano però lasciare davvero poche speranze al Golfo, orfano del suo play titolare. Ma è qui che il cuore gialloblu entra in campo e con un quarto favoloso, dove l’attacco torna a colpire con efficacia e la difesa a mordere, con un grandissimo lavoro di Pedroni che ferma Maruca, Piombino torna nel match. Saranno solo 14 i punti segnati da Oleggio e nel finale di quarto, piovono bombe sui novaresi, apre Alibegovic, poi ne mettono due a testa Bianchi e Piccone e il pareggio a fine quarto, a quota 62, è cosa fatta. Il Palatenda è una bolgia, passare dai funesti pensieri di una figuraccia, che avrebbe macchiato indelebilmente questo finale di campionato, a rigiocarsi la B1, fa alzare la temperatura dell’impianto piombinese. L’avvio di quarto finale vede le due squadre alternarsi al comando, Alibegovic firma il primo vantaggio gialloblu in avvio, ma la bomba di Restelli, riporta subito avanti Oleggio. Ma in gialloblu c’è un Piccone che dopo alcune prove opache, ritrova confidenza con la retina, pareggia in arresto e tiro dalla media e piazza la bomba del più 3 e Alibegovic allunga col canestro del più 5. Immediato arriva il timeout di coach Nava e dà i suoi frutti, Ingrosso con due centri da sotto, approfittando di un Tiberti con 4 falli a carico, riporta i suoi a meno uno. In una serata in cui Piombino ritrova il tiro da tre, chiuderà quasi col 50%, sono Pedroni e Bianchi, con la quarta bomba di serata per entrambi, a riportare due volte Piombino sul più 4. Non c’è però allungo e Giacomelli e Maruca riportano Oleggio sul più 2 a 1′ e 34’’ dalla sirena, immediato arriva il timeout di Cagnazzo. Alla ripresa, Pedroni sbaglia da tre, ma il tap in di Tiberti è vincente, parità, sull’altra sponda, buono imita Pedroni, ma il rimbalzo è ancora di Tiberti. A 41’’ dalla sirena Piccone si inventa un canestro dei suoi, da 10 metri di distanza accarezza il cotone della retina e fa esplodere l’impianto piombinese, è il preludio alla vittoria. Il pubblico si accalca alla balaustra, l’ultima speranza di Oleggio si spenge sul mancato canestro da tre di Maruca, con Buono che non controlla il rimbalzo offensivo. Sull’azione finale è caccia all’uomo, per cercare di rubare palla per i piemontesi, ma Piombino la gira bene  e Piccone mette la parola fine, con la sua sesta bomba, per l’88 a 82 finale e a Piombino esplode la festa. Tutti in campo, ad abbracciare i giocatori per il traguardo tanto ambito e finalmente raggiunto. Piombino è nella nuova e più selettiva terza serie nazionale, un traguardo importante, per una società che è un fiore all’occhiello dello sport piombinese. 

UN GRANDE GRAZIE ALLA SQUADRA E A TUTTI COLORO CHE HANNO COLLABORATO PER RENDERE POSSIBILE QUESTO RISULTATO!!!

di Stefanini Stefano

Solbat Piombino – Mamy.eu Oleggio 88-82 (22-33, 14-15, 26-14, 26-20)

Solbat Piombino: Fabrizio Piccone 26 (3/8, 6/11), Edoardo Tiberti 17 (5/7, 1/2), Camillo Bianchi 13 (0/4, 4/6), Edoardo Pedroni 12 (0/2, 4/8), Denis Alibegovic 11 (2/4, 2/8), Alessandro Azzaro 6 (0/3, 1/2), Mattia Venucci 3 (0/1, 1/3), Tommaso Tintori 0 (0/0, 0/0), Dario Mazzantini 0 (0/0, 0/0), Francesco Rossato 0 (0/0, 0/0), Alessio Alfarano 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 11 / 14 – Rimbalzi: 32 7 + 25 (Edoardo Tiberti 12) – Assist: 21 (Fabrizio PicconeDenis Alibegovic 5)

Mamy.eu Oleggio: Matteo Maruca 26 (4/7, 5/10), Tommaso Ingrosso 24 (7/9, 3/7), Olivier Giacomelli 10 (4/7, 0/3), Andrea Colussa 8 (1/4, 2/6), Marco Restelli 6 (0/1, 2/6), Omar Seck 5 (2/3, 0/0), Renato Buono 3 (1/2, 0/2), Gabriele Ballarin 0 (0/0, 0/0), Luca Palestra 0 (0/0, 0/0), Matteo Guardigli 0 (0/0, 0/0), Mattia Temporali 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 8 / 14 – Rimbalzi: 43 12 + 31 (Andrea Colussa 12) – Assist: 17 (Renato Buono 5)