I gialloblu sfiorano il miracolo ma calano nel finale

Comunicato stampa.

In una partita importantissima, il Piombino fa una partita sopra le righe e avrebbe sicuramente meritato la vittoria. In una settimana tribolatissima, all’ormai perso De Zardo, si aggiungono i problemi alla schiena di Azzaro, che non gli consentono di allenarsi quasi mai, capitan Bianchi che giocherà sul dolore della caviglia distorta a Legnano e Venucci che il giorno precedente aveva la febbre alta.

Nonostante ciò, contro una squadra lunghissima ed in salute, conduce la gara per oltre tre quarti, perdendo solo con un canestro a 7 centesimi di secondo dalla fine. Ancora una volta i gialloblu mostrano gli attributi e se la sfortuna smetterà di accanirsi su di loro, faranno vedere i sorci verdi a tutte le squadre che incontreranno.

La cronaca vede una partenza meravigliosa dei gialloblu, che dopo 7 minuti volano sul 23 a 4. Difendono con un intensità mai vista, chiudendo il pitturato, loro terreno preferito, ai labronici e  mantenendo anche una grande lucidità in attacco. Infatti segneranno 26 punti nel primo quarto, con 7 su 8 da due e 4 su 9 da tre, mentre Livorno sarà spesso costretta a soluzioni ad alto coefficiente di difficoltà e al limite dei 24 secondi.

Per i gialloblu, Piccone si accende subito bruciando la difesa biancoblu in penetrazione e servendo la specialità della casa le bombe, con lui dalla distanza colpiscono Bianchi, Azzaro e Tiberti, con  Venucci che, in regia, distribuisce 3 assist già nei primi 10’. La Pielle, nel finale di quarto, si riavvicina, con una prodezza da fuori di Almansi e con Diouf da sotto, meno 12, 26 a 14. Piombino anche nel secondo quarto difende benissimo, con Bianchi che fa innervosire Loschi, non scollandoglisi mai di dosso ed è ancora la guardia abruzzese a mettere a distanza gli avversari, trovando un corridoio in penetrazione e con una bomba per il più 13. Cagnazzo sfrutta la panchina per provare a risparmiare qualche fatica ai titolari e con qualche errore di troppo in attacco la Pielle si avvicina fino a meno 4, ma ancora Piccone dalla distanza la riallontana al meno 7 del riposo, 40 a 33.

Nel terzo quarto è Venucci a fare il break, con due bombe consecutive ed un 6 su 7 dalla lunetta, porta i suoi sul più 17 a 3’ e 30’’ dalla chiusura del parziale, ma nel finale la Pielle si rifà sotto, chiudendo a meno 10, 58 a 48. La partita sembra ancora in  mano ai gialloblu, quando Piccone apre il quarto finale con la bomba del più 13, ma la fatica inizia a farsi sentire, arrivano errori al tiro e palle perse e in difesa la squadra non riesce più ad uscire sul perimetro e Lo Biondo la punisce, con tre bombe consecutive, che danno il sorpasso agli ospiti a 5’ dalla sirena. Piombino non riesce più a costruire buoni tiri in attacco e Loschi, ancora dalla distanza fa il più 4.

Ma Piombino non si arrende e trova ancora risorse in Tiberti, che colpisce dalla media e da sotto e con Azzaro, dalla lunetta ritrova la parità a meno di 2’ dal termine. Ormai Piombino gioca più col cuore che con le gambe e Loschi colpisce ancora da tre, ci pensa però la solita bomba di Piccone a rifissare la parità a 45’’ dalla fine. La Pielle va in attacco e Lenti sbaglia da sotto, Piombino ha in mano la palla della vittoria, ma sulla buona difesa ospite, Venucci spara una bomba impossibile, che non va a segno e con pochissimi secondi alla fine, Loschi trova l’assist per Lenti, che da sotto la chiude. Finisce 72 a 74, ma Piombino si può consolare restando al quarto posto, per la contemporanea sconfitta di legnano.

Solbat Piombino – Unicusano Pielle Livorno 72-74 (26-14, 14-19, 18-15, 14-26)

Solbat Piombino: Fabrizio Piccone 25 (5/6, 5/10), Mattia Venucci 16 (1/3, 2/9), Edoardo Tiberti 12 (4/8, 1/2), Alessandro Azzaro 8 (1/4, 1/2), Camillo Bianchi 7 (1/3, 1/7), Dario Mazzantini 2 (1/2, 0/1), Tommaso Tintori 2 (0/3, 0/0), Edoardo Pedroni 0 (0/2, 0/4), Giovanni Spagli 0 (0/0, 0/0), Francesco Rossato 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 16 / 23 – Rimbalzi: 40 14 + 26 (Edoardo Tiberti 11) – Assist: 8 (Mattia Venucci 5)

Unicusano Pielle Livorno: Giovanni Lenti 16 (5/12, 0/0), Federico Loschi 12 (0/0, 4/10), Andrea Lo biondo 11 (0/0, 3/10), Luca Campori 8 (4/5, 0/3), Baye modou Diouf 8 (3/4, 0/0), Michele Rubbini 6 (0/1, 2/5), Gian paolo Almansi 6 (1/1, 1/5), Filippo Paoli 5 (0/1, 1/4), Zdravko Okiljevic 2 (1/1, 0/0), Matteo Graziani 0 (0/3, 0/2), Francesco Dadomo 0 (0/0, 0/0), Filippo Cristofani 0 (0/0, 0/0)